Articolo (41)

Valore di rifornimento dei francobolli

Il valore di rifornimento per i francobolli che permettono che l'utente utilizzi i servizi postali nello stato sarà l'importo indicato sul bollo.

Articolo (42)

Trasferimento temporaneo delle merci

Se le merci sono trasferite temporaneamente dal mercato interno in una zona o in un esterno designata lo stato per il completamento della fabbricazione o riparano per reimportarle nello stato, il valore del rifornimento una volta reimportato sarà il valore dei servizi resi.

Capitolo cinque

Margine di guadagno

Articolo (43)

Tassa di carico basata sul margine di guadagno

  • Il dichiarante può, in tutto il periodo di imposta, calcolare e fare pagare la tassa basata sul margine di guadagno guadagnato sui rifornimenti tassabili come specificato nel regolamento esecutivo di questa Decreto-legge e non basato sul valore di questi rifornimenti e notificherà l'autorità degli stessi.
  • Il regolamento esecutivo di questa Decreto-legge specificherà le circostanze da incontrare per l'applicazione delle disposizioni di questo articolo.

Titolo sei

Tassi nulli ed esenzioni

Capitolo uno

Tasso zero

Articolo (44)

Rifornimento ed importazione tassabili al tasso zero

Il rifornimento e l'importazione di beni e servizi specificati in questo capitolo fatto da un soggetto passivo saranno un rifornimento tassabile conforme al tasso zero.

Articolo (45)

Rifornimento di beni e di servizi che è conforme al tasso zero

Il tasso zero si applicherà a seguenti beni e servizi:

  • Un diretto sull'esportazione indiretta all'esterno che implementare indica come specificato nel dirigente esportazione diretta o indiretta di A all'esterno gli stati implementare come specificato nel regolamento esecutivo di questa Decreto-legge.
  • Il trasporto internazionale dei passeggeri e delle merci che comincia o si conclude nello stato o attraversa il suo territorio, includente anche assiste relativo a tale trasporto.
  • Ventili il trasporto di persone nello stato se è considerato “un trasporto internazionale„ conformemente all'articolo (1) della convenzione di Varsavia per l'unificazione di determinate regole concernenti il trasporto internazionale da aria 1929.
  • Rifornimento dei mezzi di trasporto dell'aria, del mare e della terra per il trasporto dei passeggeri e delle merci come specificato nei regolamenti esecutivi di questa Decreto-legge.
  • Rifornimento di beni e di servizi relativi al rifornimento dei mezzi di trasporto citati nella clausola (4) di questo articolo e che sono progettati per il funzionamento, la riparazione, la manutenzione o la conversione di questi mezzi di trasporto.
  • Rifornimento degli aerei o delle imbarcazioni designati per il salvataggio ed assistenza da aria o dal mare.
  • Rifornimento di beni e di servizi relativi al trasferimento delle merci o passeggeri a bordo dei mezzi di trasporto della terra, dell'aria o del mare conformemente alle clausole (2) e (3) di questo articolo, designato per consumo a bordo; o qualche cosa consumato da qualsiasi mezzi di trasporto, qualsiasi installazioni o aggiunta su ciò o qualunque altro uso durante il trasporto.
  • Il rifornimento o l'importazione dei metalli preziosi di investimento. Il regolamento esecutivo di questa Decreto-legge specificherà i metalli preziosi e le norme basati su cui sono classificate come essendo per gli scopi di investimento.
  • Il primo rifornimento degli edifici residenziali dentro (3) gli anni di suo completamento, o con la vendita o affittano in tutto o in parte, secondo i comandi specificati nel regolamento esecutivo di questa Decreto-legge.
  • Il primo rifornimento delle costruzioni specificamente ha progettato per essere usato dalle carità attraverso la vendita o il contratto d'affitto secondo i comandi specificati nel regolamento esecutivo di questa Decreto-legge.
  • Il primo rifornimento delle costruzioni ha convertito da non residenziale in vendita o in contratto d'affitto diretta residenziale secondo le circostanze specificate nel regolamento esecutivo di questa Decreto-legge.
  • Il rifornimento di petrolio greggio e di gas naturale.
  • Il rifornimento dei servizi educativi e di beni relativi e servizi per le scuole materne, la scuola materna, l'istruzione elementare e gli più alti istituti scolastici di proprietà o costituiti un fondo per dall'ente federale o locale, come specificato nel regolamento esecutivo di questa Decreto-legge.
  • Il rifornimento dei servizi preventivi e di base di sanità e di beni relativi e di servizi secondo che cosa è specificato nel regolamento esecutivo di questa Decreto-legge.

Capitolo due

Esenzioni

Articolo (46)

Rifornimento esente dalla tassa

I seguenti rifornimenti saranno esenti dalla tassa:

  • Servizi finanziari che sono specificati nel regolamento esecutivo di questa Decreto-legge.
  • Rifornimento degli edifici residenziali attraverso la vendita o il contratto d'affitto, all'infuori di quello che è zero-stimato secondo le clausole (9) e (11) dell'articolo (45) di questa Decreto-legge.
  • Rifornimento di terra nuda.
  • Rifornimento di trasporto di persone locale.

Il regolamento esecutivo di questa Decreto-legge specificherà i termini ed i comandi per l'esenzione dei rifornimenti citati nelle clausole precedenti di questo articolo.

Capitolo tre

Singoli e rifornimenti misti

Articolo (47)

Rifornimento di più di una componente

Il regolamento esecutivo di questa Decreto-legge specificherà i comandi per determinare il trattamento fiscale di tutto il rifornimento composto di più di una componente per un singolo prezzo, dove ogni componente è conforme ad un trattamento fiscale differente.

 

Capitolo quattro

Obblighi specifici di rappresentare tassa

Articolo (48)

Tassa inversa

  • Se il soggetto passivo importa le merci interessate o servizi interessati allo scopo del suo affare, quindi sarà trattato come la fabbricazione della fornitura tassabile a se stesso e sarà responsabile di tutti gli obblighi applicabili di imposta e del rappresentare la tassa dovuta rispetto a questi rifornimenti.
  • Come eccezione alla clausola (1) di questo articolo, nel caso la destinazione finale delle merci quando entrare nello stato è un altro stato implementante, il soggetto passivo paghi la tassa dovuta sull'importazione delle merci Concerned conformemente al meccanismo specificato dal regolamento esecutivo di questa Decreto-legge.
  • Se un dichiarante fa un rifornimento tassabile nello stato ad un altro dichiarante di grezzo o dell'olio raffinato, gas naturale non trattato o elaborato, o degli idrocarburi ed il destinatario di queste merci intende a rivende le merci acquistate come grezzo o gas naturale non trattato o elaborata raffinato dell'olio, o tutti gli idrocarburi, o usa queste merci per produrre o distribuire qualunque forma di energia, le seguenti regole si applicheranno:
    • a. il dichiarante che fa il rifornimento non farà pagare la tassa sul valore del rifornimento del dichiarante che fa il rifornimento non farà pagare la tassa sul valore del rifornimento delle merci citate in questo paragrafo.
    • b. Il destinatario delle merci calcolerà la tassa sul valore delle merci fornite su ciò e sarà responsabile di tutti gli obblighi applicabili di imposta e della calcolazione della tassa dovuta rispetto a tali rifornimenti.
  • Le disposizioni della clausola (3) di questo articolo non si applicherà in c'è ne di seguenti situazioni:
    • Dove, prima della data di rifornimento, il destinatario delle merci non ha fornito una conferma scritta al fornitore che la sua acquisizione delle merci è ai fini della rivendita.
    • Dove, prima della data di rifornimento, il destinatario delle merci non ha fornito una conferma scritta al fornitore che è un dichiarante ed il fornitore non ha verificato la registrazione di imposta del destinatario delle merci attraverso i mezzi approvati dall'autorità.
    • Dove il rifornimento tassabile sarebbe conforme alla tassa al tasso di 0% conforme alla clausola (1) dell'articolo (45) di questa Decreto-legge.
    • Dove il rifornimento tassabile comprende un rifornimento delle merci o dei servizi all'infuori delle merci citate nella clausola (3) di questo articolo.
  • Dove un destinatario delle merci di tutto il grezzo o olio raffinato, gas naturale non trattato o elaborato, o qualunque idrocarburi conferma per iscritto al fornitore che è un dichiarante allo scopo dell'applicazione della clausola (3) di questo articolo, ciò che segue appl:
    • Il fornitore non sarà suscettibile per la calcolazione della tassa relativamente al rifornimento a meno che sia informato o presunto essere informato, quello che il destinatario non era un dichiarante alla data di rifornimento.
    • Il destinatario sarà suscettibile per il calcolo di tutta la tassa dovuta rispetto al rifornimento.
  • Se il fornitore citato nel paragrafo (a) della clausola (5) di questo articolo è supposto per essere informato che il destinatario delle merci non sia registrato alla data di rifornimento, il fornitore ed il destinatario delle merci saranno insieme e severamente suscettibili per tutte le tassa dovuta e pene pertinenti rispetto al rifornimento.
  • Il regolamento esecutivo di questa Decreto-legge specificherà:
    • a. Circostanze e istanze dove il meccanismo nella clausola (1) di questo articolo si applica.
    • b. Obblighi supplementari relativi alla conservazione record per la tassa calcolata secondo il meccanismo nella clausola (1) di questo articolo.

Articolo (49)

Importazione delle merci interessate

Una persona non registrata per la tassa pagherà a tassa dovuta sull'importazione delle merci Concerned dall'esterno gli stati implementare alla data dell'importazione conformemente al meccanismo di pagamento specificato dal regolamento esecutivo di questa Decreto-legge.

Capitolo cinque

Zone designate

Articolo (50)

Zona designata

“Ha designato la zona„ quella riempie le circostanze specificate nel regolamento esecutivo di questa Decreto-legge sarà trattato come essendo fuori dello stato.

Articolo (51)

Trasferimento delle merci nelle zone designate

  • Le merci possono essere trasferite da una designata zona ad un'altra zona designata senza alcuna tassa che diventa dovuta.
  • Il regolamento esecutivo di questa Decreto-legge specificherà le procedure ed i termini per il trasferimento delle merci da ed in una zona designata come pure nel metodo di conservazione, di conservazione e di elaborazione delle tali merci ivi.

Articolo (52)

Eccezioni per la zona designata

Come eccezione all'articolo (50) di questa Decreto-legge, il regolamento esecutivo di questa Decreto-legge specificherà le circostanze nell'ambito di cui l'affare condotto all'interno delle zone designate sarà considerare come essendo conducendo nello stato.

Titolo sette

Calcolo della tassa dovuta

Capitolo uno

Tassa dovuta per un periodo di imposta

Articolo (53)

La tassa pagabile per tutto il periodo di imposta sarà calcolata come essendo uguale al debito d'imposta dell'uscita totale conformemente a questa Decreto-legge e che è stato fatto nel periodo di imposta meno la tassa ricuperabile totale dal soggetto passivo detto durante lo stesso periodo di imposta.

Articolo (54)

Imposta a monte ricuperabile

  • L'imposta a monte che è ricuperabile da un soggetto passivo per tutto il periodo di imposta è il totale di imposta a monte pagato per beni e servizi che sono usati o intesi per essere usati per la fabbricazione dei c'è ne di quanto segue:
    • Rifornimenti tassabili.
    • Rifornimenti che sono fatti fuori dello stato che sarebbe stato rifornimenti tassabili erano stati fatti nello stato.
    • Rifornimenti specificati nel regolamento esecutivo di questa Decreto-legge che sono fatti fuori dello stato, che sarebbe stato trattato come esente erano stati fatti dentro lo stato.
  • Dove le merci sono importate da un soggetto passivo attraverso un altro stato implementante e la destinazione finale progettata di quelle merci era lo stato ai tempi dell'importazione, quindi il soggetto passivo sarà autorizzato a trattare la tassa pagata rispetto all'importazione delle merci nello stato implementante mentre la tassa ricuperabile conforme alle circostanze ha specificato il regolamento esecutivo di questa Decreto-legge.
  • Dove le merci si sono acquistate da un soggetto passivo in un altro stato implementante e poi sono entrato nello stato, il soggetto passivo sarà autorizzato a trattare la tassa pagata rispetto alle merci nello stato implementante come tassa ricuperabile conforme alle circostanze specificate nel regolamento esecutivo di questa Decreto-legge.
  • Un soggetto passivo non sarà autorizzato a recuperare alcun'imposta a monte rispetto alla tassa pagata conformemente alla clausola (2) dell'articolo (48) di questa Decreto-legge.
  • Il regolamento esecutivo di questa Decreto-legge specificherà le istanze dove l'imposta a monte è esclusa dal recupero.

Articolo (55)

Recupero di imposta a monte ricuperabile nel periodo di imposta

  • Prendendo in considerazione le disposizioni dell'articolo (56) di questa Decreto-legge, l'imposta a monte ricuperabile può essere dedotta con la dichiarazione dei redditi per quanto riguarda il primo periodo di imposta in cui le seguenti condizioni sono state soddisfatte:
    • Il soggetto passivo riceve e tiene la fattura di imposta secondo le disposizioni di questa Decreto-legge, a condizione che la fattura di imposta comprende i dettagli del rifornimento relativo a tale imposta a monte, o tiene qualunque altro documento conformemente alla clausola (3) dell'articolo (65) di questa Decreto-legge relativamente al rifornimento o all'importazione su cui l'imposta a monte era pagata.
    • Il soggetto passivo paga la considerazione il rifornimento o qualsiasi parte di ciò, come specificato nel regolamento esecutivo di questa Decreto-legge.
  • Se il soggetto passivo avente diritto recuperare l'imposta a monte non riesce a agire in tal modo durante il periodo di imposta in cui le circostanze dichiarate nella clausola (1) di questo articolo sono stati soddisfatti, può comprendere la tassa ricuperabile nella dichiarazione dei redditi per il periodo successivo di imposta.

Articolo (56)

Imposta a monte pagata prima della registrazione di imposta

  • Un dichiarante può recuperare la tassa ricuperabile incontrata prima della registrazione di imposta alla dichiarazione dei redditi presentata per il primo periodo di imposta che segue registrazione di imposta, che è stata pagata per c'è ne di quanto segue:
    • Il rifornimento di beni e di servizi ha fatto lui prima della data della registrazione di imposta.
    • Importazione delle merci da lui prima della data della registrazione di imposta. A condizione che questi beni e servizi fossero usati per fare i rifornimenti che danno la destra al recupero dell'imposta a monte sopra la registrazione di imposta.
  • Come eccezione alle disposizioni della clausola (1) di questo articolo, l'imposta a monte non può essere recuperata in c'è ne di seguenti istanze:
    • La ricevuta di beni e di servizi per gli scopi all'infuori della fabbricazione dei rifornimenti tassabili.
    • L'imposta a monte si è riferita alla parte del capitale fisso che ha svalutato prima della data della registrazione di imposta.
    • Se i servizi fossero ricevuti più di cinque anni prima della data della registrazione di imposta.
    • Dove una persona ha mosso le merci verso un altro stato implementante prima della registrazione di imposta nello stato.

Articolo (57)

Recupero della tassa dalle entità e dalle carità di governo

Una decisione del Governo sarà pubblicata a proposito del ministro che determina le entità e le carità di governo aventi diritto per recuperare la quantità completa di imposta a monte pagata da loro, eccezione fatta per:

  • Tassa esclusa dal recupero come specificato nel regolamento esecutivo di questa Decreto-legge.
  • Tassi pagato per beni e servizi usati per eseguire i rifornimenti esenti.

Capitolo due

Suddivisione ed adeguamento di imposta a monte

Articolo (58)

Calcolando l'imposta a monte che può essere recuperata

Il regolamento esecutivo di questa Decreto-legge specificherà il metodo in cui l'imposta a monte che può essere recuperata è calcolata, se l'imposta a monte è pagata per le merci o servizi durante il periodo specifico di imposta fare i rifornimenti che permettono il recupero nell'ambito dell'articolo (54) ed altri che non permettano il recupero, o per le attività condotte che non sono nel corso del fare l'affare.

Articolo (59)

Stati e meccanismo di adeguamento di imposta a monte

Il regolamento esecutivo di questa Decreto-legge specificherà i termini ed il meccanismo per la regolazione dell'imposta a monte nei seguenti casi:

  • Se il soggetto passivo attribuisce l'imposta a monte, completamente o parzialmente, fare i rifornimenti tassabili, ma ha cambiato l'uso, o l'uso progettato, di quelle merci o i servizi prima della fabbricazione dei rifornimenti tassabili.
  • Se il soggetto passivo attribuisce l'imposta a monte, completamente o parzialmente, fare i rifornimenti esenti, o per le attività che non fanno parte del comportamento dell'affare, ma ha cambiato l'uso o l'uso progettato delle quelle merci o i servizi relativi all'imposta a monte prima della fabbricazione dei rifornimenti esenti.

Capitolo tre

Schema del capitale fisso

Articolo (60)

Schema del capitale fisso

  • Se un capitale fisso è fornito o importato da un soggetto passivo, gli ultimi valuteranno il periodo di uso di tale bene e procedere agli adeguamenti necessari all'imposta a monte pagati conformemente al capitale fisso progetti.
  • Un soggetto passivo terrà le annotazioni relative al capitale fisso per almeno dieci anni.
  • Il regolamento esecutivo di questa Decreto-legge specificherà quanto segue:
    • Capitale fisso conforme alle disposizioni di questa Decreto-legge e della loro vita utile stimata.
    • Il metodo di regolazione il capitale fisso e dei periodi per cui gli adeguamenti dovrebbero essere procedere a.
    • Istanze dove il periodo per la registrazione le annotazioni del capitale fisso è esteso.

Capitolo quattro

Adeguamento della tassa dopo la data del rifornimento

Articolo (61)

Istanze e termini per gli adeguamenti di imposta dell'uscita

  • Un dichiarante regolerà la tassa dell'uscita dopo la data di rifornimento in c'è ne di seguenti istanze:
    • Se il rifornimento fosse annullato.
    • Se il trattamento fiscale del rifornimento ha cambiato dovuto un cambiamento a titolo del rifornimento.
    • Se la considerazione precedentemente acconsentita per il rifornimento fosse alterata per qualunque ragione.
    • Se il destinatario delle merci o il destinatario dei servizi li restituisse al dichiarante interamente o parzialmente e la considerazione è stata restituita interamente o parzialmente.
    • Se la tassa fosse fatta pagare per sbaglio.
  • Paragrafo (e) della clausola (1) di questo articolo non si applicherà dove il posto di rifornimento è stato trattato dal fornitore alla data di rifornimento come essendo conforme alla clausola (1) dell'articolo (27), ma, come conseguenza di un movimento delle merci, è risultato che dovrebbe essere trattato come un rifornimento al paragrafo (b) (1) della clausola (3) degli stessi.
  • Per regolare l'uscita tassi c'è ne di seguenti circostanze sarà incontrato:
    • a. Se l'importo di imposta dell'uscita riscosso sul rifornimento indicato nella fattura di imposta non abbina la tassa che dovrebbe realmente essere fatta pagare sul rifornimento come conseguenza di c'è ne degli eventi citati nella clausola (1) di questo articolo.
    • b. Se il dichiarante presenta una dichiarazione dei redditi per il periodo di imposta durante cui il rifornimento si è presentato e un importo è stato calcolato in modo errato come essendo la quantità di tassa dell'uscita dovuta per questo rifornimento come risultato di c'è ne degli eventi citati nella clausola (1) di questo articolo.

Ricevi il consiglio libero

Invii la vostra domanda per ricevere il consiglio libero da uno degli esperti internazionali

Richiama
Yandex.Metrica